Home » I consigli di Flynn » Vero o falso? Leggende metropolitane sui cani

Vero o falso? Leggende metropolitane sui cani

Wuff, gente!

Eccomi di nuovo con voi.
L’estate è ormai alle porte e con essa la possibilità di uscire più spesso con il proprio umano, magari in posti meravigliosi, mare, montagna, boschi, fiumi e laghi. Ovviamente in questi luoghi di vacanza l’incontro con altri 4 zampe e bipedi è cosa certa ed è allora che possono sorgere vari problemini.

Da cane vorrei sfatare qualche leggenda metropolitana:
1) i cani sciolti giocano insieme in allegria
Non è sempre vero.
Alcuni cani possono essere molto dominanti e aggredire anche seriamente i loro simili, inoltre un cane timido e insicuro potrebbe risentire di “attenzioni” troppo pesanti anche se fatte amichevolmente (per es. un labrador da 40 chili che invita al gioco un maltese).

2) i cani amano i bambini
Non è sempre vero.
Un cane poco socializzato se messo alle strette da un bambino potrebbe mordere per difesa o un cane possessivo che sta giocando con la pallina potrebbe non gradire che un cucciolo d’uomo cerchi di prendergliela.
Inoltre, a volte, anche un cane pacifico ma magari stressato per il caldo o il rumore potrebbe reagire con aggressività se disturbato.

3) un cane da caccia basta non portarlo a caccia e lui non ci pensa più
Falso!!!
Questa cosa la pensano quegli umani che non sanno cosa voglia dire nascere con una passione! Ci sono umani e ci sono cani (quasi tutti i cani) che non aspettano che di avere un’occasione per dimostrare al mondo lo scopo della loro vita, quella cosa per la quale sono nati e che anche se non coltivata, continua a crescere nel loro cuore. E allora non ci sono bocconcini, premietti, giocattoli che tengano! Ricordate quello che dice sempre la mia umana: la vera passione non può essere domata! Un gatto che attraversa la strada, una lepre acquattata nell’erba, un bambino che corre gridando, un gregge di pecore: PREDE!
Solo se quel cane e il suo bipede avranno costruito un serio rapporto basato sulla leadership ci sarà una speranza – e dico una -di fermare la sequenza predatoria!

4) io amo il mio cane e quindi anche lui mi ama oppure io ho salvato il mio cane da un canile per cui lui mi sarà eternamente grato e se lo libero tornerà da me
Fantasie! Accertatevi sempre che il cane vi rispetti, si fidi di voi e vi guardi con umiltà il che ha poco a che vedere con l’amore umano e molto con la leadership e l’unione di branco. Ricordatevi: i cani più felici al mondo e che non hanno bisogno di guinzaglio sono quelli dei clochard che vivono perennemente migrando con il proprio umano alla ricerca di cibo, scaldandosi, facendosi compagnia, proteggendosi l’un l’altro, affrontando pericoli.

Ecco, anche per questa volta ho espresso qualche pensierino che spero possa essere utile ad evitare guai anche seri.
La libertà è bella ma questo deve valere per tutti, non ultimi gli animali selvatici che noi cani amiamo spaventare ed inseguire.

Una leccatina a tutti e a risentirci presto!

tagliamento

Comments are closed.