Home » I consigli di Flynn » Cane come mediatore fra uomo e natura

Cane come mediatore fra uomo e natura

“Oggi voglio condividere una riflessione della mia umana con voi, che aiuterà a migliorare sicuramente il rapporto tra noi cani ed in nostri compagni bipedi…. wuff!”

Migliaia e migliaia di anni fa uomo e cane strinsero un’ alleanza già da allora basata non solo su una pragmatica reciproca convenienza ma anche su un bisogno di amicizia più profondo e meno quantificabile.

Di tutte le specie presenti sul pianeta il cane è l’ unica che convive con noi in maniera così stretta tanto che possiamo ben dire che ci siamo evoluti insieme.

I cani sono sempre più presenti nel nostro tessuto sociale non solo, come un tempo, per aiutarci a svolgere ogni tipo di lavoro, ma proprio come partner a tutti i livelli a volte chiamati a colmare addirittura carenze emozionali e di rapporto.

Cani antropizzati, quindi.

A questo punto, però, dovremmo fermarci a riflettere.

E’ totalmente giusto vivere il cane come un piccolo umano in pelliccia?

Dal mio personale punto di vista di cinofila ed educatrice ritengo che sia questo non solo un approccio sbagliato ma assolutamente limitativo.

Il cane non è e non deve essere vissuto come un feticcio, il cane è ben di più!

dog walking biotopo dell'acqua caduta san daniele del friuli 3Il cane è innanzittutto l’ultimo ponte verso la natura, verso un contatto sano con un mondo dal quale ci stiamo allontanando irrimediabilmente, il mondo degli odori, del silenzio, dell’incanto degli animali.

Cane come mediatore fra uomo e natura, quindi, non cane come giocattolo peloso per soddisfare la nostra vanità o sul quale scaricare bisogni emozionali inespressi.

Cane come essere adulto, saggio, semplice e anche selvaggio, non intrappolato nei nostri schemi ma libero di aiutarci a crescere dentro.

Non trasformiamo il cane in un essere umano ma lasciamoci guidare da lui in un universo altro, impariamo da questo maestro a quattro zampe a ritrovare, attraverso il contatto con la natura, il nostro io più profondo e troppo spesso represso.

Comments are closed.